lunedì 19 dicembre 2011

Detti e filastrocche Marcianisane

1) Chi ne ten un affoc, chi ne ten cient alloca
(Chi ne ha uno lo affoga, chi ne ha cento li alloca)

2) M'par a watt e zi marij, chiagn è rir
(Mi sembra la gatta di zia maria, piange e ride)

4) 'E zinbr notn 'e tozzr
(Gli Zingari notano i tozzi di pane)

4) So doj marruz un fet e n'at puzz
(Sono due lumache, una è fetida e un altra puzza)

5) Chi nu purdunej nu pignulej
(Chi non perdona non ottiene la pigna)

6) Chi vo Ddij che so prej
(Chi vuole Dio che se lo preghi)

7) 'E chiacchr fanno 'e chierk
(Le chiacchiere fanno le cicerchie)

8) 'A tiana guardat nun esc mai a wollr
(La penola tenuta d'occhio non bolle mai)

9) Cient wall a cantà nu fa maj jorn
(Cento galli a cantare non fa mai giorno)

10) 'O cavall Jastummat lu luc 'o pil
(Il cavallo maledetto ha il pelo lucente)

11) A palla spaccata fa 'o sei
(La palla spaccata fa il sei)

12) Chi s'mett che razz cacat s'trov
(Chi si mette con i neonati si ritrova imbrattato di cacca)

13) 'O lup che nun putett arrvà 'o ciucc ricet che è tnev nere
(Il vecchio lupo che non riuscì a prendere il ciuco perche correva più veloce di lui disse che le teneva nere (gli attributi))

14) Nu donna e nu tela a lume 'e cannela
(Ne donna e ne tela a lume di candela)

15) Cient nient accrern 'o ciuc
(Cento nulla uccisero il ciuco)
(Cento cose da nulla in groppa al ciuco lo uccisero)

16) A te ric, a nor 'ntiendm
(A te dico, e a mia nuora: intendimi!)

17) Puozz murì 'e truon chi nun l'piac 'o 'bbuon
(Possa morire di tuono chi non gli piace il buono)

18) Nun chiammà san Paul prim e verè 'o serp
(Non chiamare san Paolo prima di vedere il serpente)

19) 'A fatica si chiama Fatela
(La fatica si chiama Fatela!)

20) Chi fatic mang, chi nun fatic mang e 'bbev
(Chi lavora mangia, chi non lavora mangia e beve)

21) Mitt cu chi è megj e te e facc 'e spese
(Mettiti con chi è meglio di te e facci le spese)

22) Ropp 'o lamp ven 'o truon
(Dopo il lampo, viene il tuono)

23) Fa 'o scem p'nu pagà a gabella
(Fa lo scemo per non pagare la gabella)

24) Chi ten na cosa e non s'n'servisc nu trov cunfssor che l'assulisc
(Chi ha una cosa e non se ne serve non trova confessore che l'assolve)

25) 'A merola cecata fa 'o niv 'a notte
(La merla ceca fa il nido di notte)

26) L'auciell fa 'o niv co'cumpagn
(L'uccello fa il nido col compagno)

27) M'par l'auciell che nu capisc 'o gran
(Mi pare l'uccello che non capisce il grano)

28) Tribl 'e cas e cuntient 'e chiaz
(Tribolazione in casa e felicità per la piazza)

29) Mal e ben a fin ven
(Male e bene a fine viene)

30) 'A troppa cunfrenz porta a mala crianz
(La troppa confidenza porta a male creanza)

31) 'O ghianc e o'russ prven ro' muss
(Il bianco ed il rosso proviene dal muso)

32) Megj a nu parlà che a 'ffa na' bona parlata
(Meglio non parlare che a fare una buona parlata)

33) N'guorp pur vale
(Detto nella mente pure vale)

34) Fa o scem p'nu pavà a gabella
(Fa lo scemo per non pagare la gabella)

35) Cicchiell quan nun'er sfuttut sfuttev is all'at
(Franceschiello, quando non era sfottuto sfotteva lui agli altri)

36) Fatt 'o nom e va a rubba
(Fatti il nome e va a rubbare)

37) Chell che s'mett ka(indicando la faccia) s'ver, chell che s'mett ka (indicando lo stomaco) nun s'ver
(Quello che si mette qua(indicando la faccia) si vede, quello che si mette qua (indicando lo stomaco) non si vede

38) Vale chiù nu 'gust che cento ducati
(Vale più una soddisfazione che cento ducati)

39) Quann 'o cul s'fa pesant se ne va pe sant.
(Quando il culo si fa pesante se ne va per i santi)

40) Tu vuo 'a mugljera 'mbriaca e a votta chiena
(Tu vuoi la moglie ubriaca e la botte piena)

41) Chi vo 'o mal 'e ll'at 'o suoj sta a ret a port
(Chi vuole il male degli altri, il suo sta dietro la porta)

42) 'O sazj nun crer 'o riun
(Il sazio non crede a chi sta digiuno)

43) 'E sord vann a 'ddo stann l'ati sord
(I soldi vanno dove stanno gli altro soldi)

44) 'E sord fann v'nì 'a vist 'o cecat
(I soldi fanno venire la vista al ceco)

45) M'par 'o zuopp e 'o chcat
(Mi semano lo zoppo e il ceco)

46) Pesc ruoss mang semp 'o piccirill
(Pesce grande mangia sempre il piccolo)

47) L'acq 'nfracid 'e bastiment a mare
(L'acqua infracida i bastimenti a mare)

28) A che vale tne' nu bacil r'or quann c'jett 'o sang a rint?
(A che vale avere un bacile d'oro, quando ci butti il sangue dentro?)

49) 'O liett s'chiamm  ros chi nun dorm ripos
(Il letto si chiama rosa chi non dorme riposa)

50) A vit s'chiej 'a piccrell
(La vite si piega da piccola)

51) 'O Vuoij chiamm curnuto 'o ciuccio
(Il bue chiama cornuto il ciuccio)

52) E' meglj na vota arrussì e nun cient vote aggiallanì
(Meglio una volta arrossire che cento volte ingiallire)

53) 'E ciucc annanz e 'e Kavall addret
(Gli asini avanti e i cavalli dietro)

54) Quann un è muort, nun cammin 'cchiu p'l'uort
(Quando uno è morto, non cammina più per l'orto)

55) A chiagr 'o muort s'ho lacrm perz
(A piangere il morto sono lacrime perse)

56) Mentr 'o mierc sturej 'o malat mor.
(Mentre il medico tenta di discernere, il malato muore)

57) 'O mierc pietus fa a chiaj fetent
(Il medico pietoso fa incancrenire la piaga)

58) Male a chi more e paravis non ber, chi rest n'terr semp cena 'a sera
(Male a chi muore e paradiso non vede, chi resta sulla terra sempre cena la sera)

59) Ci vonn 'e cazz faticat p'ffsa 'e figl carr'ttieri
(Ci vogliono i c..i usati spesso per fare figli carrettieri)

60) Chi adda y n'cul 'a corte n'adda purtà 'o curtiell rind 'a sacca
(Chi deve andare in culo alla corte, non deve portare il coltello in tasca)

61) 'O pat'eterno ra 'e biscott a chi nu ten 'e rient
(Il padreterno da i biscotti a chi non ha i denti)

62) Santu'Mangione venett primm  ro'patatern
(San Mangione venne prima del padreterno)

63) A si s'rice 'o lup 'o lup, si nun è lup è cane
(Se si dice al lupo al lupo se non è lupo è cane)

64) Sta a frain n'do cannul !
(Sta la faina nella canapa)

65) Quann 'o piccirill parl, 'o ruoss a parlat!
(Quando il piccolo parla, il grande ha parlato!)

66) 'O can mozzk 'o stracciat
(Il cane morsica a chi ha le pezze)

67) 'Viest ceccone che pare barone
(Vesti un maiale che sembra Barone)

68) 'O puork 'ca spogna 'mmok fa n'ata vista
(Il maiale con la spiga di mais in bocca sembra più nobile)
(The pig, with the mais in the lips, to do another look)

69) Adda magna 'o puork e a vallin
(Deve mangiare il porco e la gallina)

70) Chi va 'p chistu mare chisti pisc pigj
(Chi va per questo mare questi pesci piglia)

71) 'E mal guvrnat e guvern Dij
(I mal governati li governa Dio)

72) Muntagn e muntagn nun s'incontrn
(Montagna e montagna non si incontrano)

73) 'A bona marij va p'bij
(La buona maria va per via)

74) M'par casal sacchiat
(Mi sembra casale saccheggiato)

75) 'A massarij a part s'n carett
(La masseria in comune venne giù)

76) Scart frush e pigj primera, so tut ra stessa manera
(Scarta la carta inutile e prendi il sette bello, sono tutti della stessa maniera)

77) Ten a razj ro setacciar
(Tiene la grazia di chi è addetto all'uso del setaccio)

78) A ro arrivam 'nzippam 'o spruokl
(Dove arrivamo infiliamo il segnaposto)

79) Pur 'e pulc tenhn 'a tosse
(Anche le pulci hanno la tosse)

80) M'parn 'e can e 'e vatt
(Mi sembrano cani e gatti)

81) 'A fatt 'e cunt senz 'o tavrnar
(Ha fatto i conti senza l'oste)

82) A sant nun fa vut e a criatur nu prumettr
(A santi non fare voto e a bambini non promettere)

83) A femn nun s'spos 'o ciuc p'chè l'stracc 'e llnzol
(La donna non si sposa il ciuco perché gli strappa le lenzuola)

84) 'A femn quann vo filà fil co spruoccl
(La donna quando vuole filare fila con il gambo di verdura)

85) San'antonio s'annamuraj 'ro puork
(Sant'Antonio si innamorò del porcellino)

86) Tre so 'e fess Pascal, Mattej e Nicol che è fess a p'llor
(Tre sono i fessi Pasquale, Matteo e Nicola e è considerato fesso da i primi due)

87) E' 'ggiut gisù crist 'mman a sciaccariell
(E' andato Gesu in mano s Sciaccariello)

88) E' vampan hanna sunà assiem
(Le campane devono suonare assieme)

89) 'O prevt ric: fa chell che ric io e nun fa chell che facc io
(Il prete dice: fa quello che dico ma non fare quello che faccio)

90) Dio t'liberi a chill che fann semp bis bis
(Dio ti liberi da quelli che dicono sempre il rosario)

91) More Sanson cu tutt 'e filisdej
(Muore Sansone con tutti i filisdei)

92) M'par 'o monk surd
(Mi sembra il monaco sordo)

93) 'E ciucc ragljn assiem
(I ciuchi ragliano assieme)

94) Ogni scarp addvent scarpone
(Ogni scarpa diventa scarpone)

95) 'A watt ra signor tant ru 'bben che l'vulev c'ha schiattav
(La gatta della signora, che tanto bene le voleva che la fece morire schiacciata)

96) 'A watt p'ghi e press facett 'e figlj cecat
(La gatta per andar di fretta fece i figli cechi)

97) Stat a 'ffa io t'cec e io t'foc
(State facendo io ti acceco e io ti brucio gli occhi col fuoco)

98) Mentr 'a bell s'chiangej 'a brutt s'ammarit
(Mentre la bella si dà le arie, la brutta si trova marito)

99) Chi vo va, chi nun vo mann!
(Chi vuole va, chi non vuole manda)

100) Chi pecur si fa 'o lup sa fotte
(Chi pecora si fa, il lupo se la prende)

101) So ghiut a Sess p'n'uoss
(Sono andato a sessa per un osso)

102) Chi ten 'a leng, va in Sardeg
(Chi ha la lingua, va in Sardegna)

103) M'pnzav ch'v fatt 'na'cchiappat  'e sfess
        invec hagg fatt 'na'cchiappat e fess.
(Credevo di aver fatto una presa di persone dritte
invece ho fatto una acchiappata di fessi)

104) Mamm n'scaurav na tian e tu ascist ca capa a for
(Mamma ne riscaldò una pentola e tu uscisti con la testa fuori)

105) M'par o vichj 'e Pistiern
(Mi sembri il vecchio di Pisterno)

106) 'A furmicul quann vo murì mett 'e scell
(La formica quando vuole morire mette le ali)

107) 'A cor 'e tost a scurtika
(La coda è dura da scorticare)

108) 'O spital fa'bben 'a Nunziata
(L'ospedale fa bene all'annunziata)

109) 'E fatt 'e cunt senz 'o tavrnar
(Hai fatto i conti senza l'oste)

110) Quann uno s'adda mbriaka, s'adda 'mbriaka 'ro vin 'bbuon
(Quando uno si deve ubriacare si deve ubriacare del vino buono)

111) Tien 'cchiu corn tu che na sport 'e marruzz
(Hai più corna tu che una centuria di lumache)

112) Si fess ka sport
(Sei fesso e porti la bandiera)

113) Chi nasc tunn nu mor quadr
(Chi nasce tondo non muore quadrato)

114) Nusciun ric lavt 'a facc ch'par 'cchiu meglj e me
(Nessuno dice lavati la faccia così sembri meglio di me)

115)'A merd quann chiu s'move chiu fet
La merda quando più si muove più puzza

116) Sta a 'ffa 'o pata pata e l'acqua
(Sta piovendo a catinelle)

117) M'par miercurì m'ez a settimana
(Mi sembra mercoledì nel mezzo della settimana)

118) Si nun si buon p'o Re mujera nu fa p'te
(Se non sei buono per il Re, moglie non fa per te)

119) Nu si buon manc pa chiang
(Non sei buono neache per la macelleria)

120) 'O Ciucc quann ten sete sap a do sta l'acqua
(Il ciuco quando ha sete sa dove sta l'acqua)

121 ... 256 (In corso di catalogazione. Sarà oggetto di pubblicazione cartacea con una piccola spiegazione di ognuno di loro. Ogni tanto nuove aggiunte)

257) E vabbèn ricett onna Len quann vrett ca figl era pren.

258) N'da ogni casa sta na roce!

259) Ma comm te purrut e fa natu Figl!

260) T' spus quan chiov e nu fa muovr o mes e mai fai o bell e mamma'!

261) 'E fatt 'ra pignata, e sap sul 'a cucchiara

262) Ric-n e vicchiarill e marcianis: 
"tnev e rient buon p'mangia' ma nu tnev e sord p catta'o pan; mo teng e sord po catta', ma nu teng e rient po mangia'
263) O pignat rutt camp cient ann - O pignat rutt camp chiu 'ro san

264) quann o ciucc nu vo vevr ai voglio ro sisca

265) E' nato ca'cammisa

266) si nu putrusin che nu guast menestr

267) cia purtamm a menchell a fest

268) 99 bon e un malament spoglit e vavattennn

269) o panar e a canestr tutte e juorn e semp chest

270)= facess na culat e ascess o sol

271) 'A ciucc e fchel, 99 chiave e 'a cora fracida

272) O t'magn sta mnestra o t'jett ra'fnestra

273) Chi mal cak tre vot va e tre vot vem
       (Chi non defeca bene, tre volte deve andare e tre volte deve venire)

274) Nu si buon manc a ghiardr

(Non sei buono neanche a bruciare)


Incipit di favole per bambini
C'stev 'na vota nu viechj e 'na vechj addret a 'nu spechij, addret a 'nu mont, statt zitt che mo to cont.
(C'era una volta un vecchio e una vecchia, dietro ad uno specchio, dietro ad un monte, stai zitto che ora te lo racconto)

Favoletta
C'stev 'na vot 'nu monc e vota che ghiev p'zzen
rind all'acquazz. Purtav 'e sausiccell appesa
'a mazz. Iett 'o can e s'n'mangiav una, iet 'o watt e
s'n'mangiav n'at, iet zi monk co turcitur e c'e  facett
caca a un a un.
(C'era una volta un monaco con i voti ...)

'O chiu gruoss segret
C'stev n'a vot nu commerciant e vin.
Er'o cchiu gruoss 'ro paes e tenev nu sac
'e sord. Nu jour s' pigliav na frvarij
e stev quas a murj. Chiammav 'o prim figl e
l'ricett: "Figj mij prim che mor taggia ricr nu
secret ruoss assai!"
rispunnet 'o figlj :"Papa ricit che v'sent"
"Figlj mio arricordt che 'o vin s'fa pur cu'l'uv!"

'O figlj 'ro carpentiere
C' stev 'na vot 'nu mast carpentiere.
Nu maccellar tnev e ching rutt e 'o chiammav
semp e ogni 'vvot l'rev semp 'na fell 'e carn.
Nu jorn nun s'sentev 'bbuon e mannaj 'o figl
'o post suoj.
Quann chill turnav 'p s vantà co'pat  ch'ev
fatt nu' bell'lavoro ricett: "Papà! c'stev 'nu ching
rutt e poj wuardann meglj agg vist nati tre
c's'stevn rumpen e agg'cagnat pur chill"
rispunnett 'o pat: "Mo a carn nun t'a magn 'cchiu"



Lupi mannari
Diventa lupo mannaro(lupnar) chi nasce la mezzanotte di Natale oppure
chi nasce a Natale con la luna calante (mancant)

'O vricc 'e Trentul
Facevn a gar è fate p's'assttà rind 'e seggiulell

Canzoncine ...
Figljol che t mantien a tanta frask,
tinaten una ch't'fa 'o frisk
o si no rmman tu 'o sol e io o frisk.

Esc o'sole e chiove, rire a vecchia a Casanova.
(Esce il sole e piove, ride la vecchia a Casagiove)

Cannlor, viern for! Ascett o lup ca ramp a for, c'n'stann ati quarantanov!
(Candelora, inverno fuori! si intromise il lupo con la lingua fuori, ce ne stanno altri quarantanove!)

(Dopo una sonora eruttazione ...)
Pa facc e tutt 'o prossm cristiano
Chi ten e chi nun ten
chi adda avè e chi adda ra
e chi fatic p'mangia!

filù filù fila
stok fritt c'o baccalà
zi marij vo pazià
vo pazià c'ho siscariel
e zi marij nu ten nient


Filastrocca ...
A'ra mulin
tre tomml e'farina
sta l'asinella zoppa
e chi l'ha zzuppkiat?
o'standere re la port
e a port a re 'gghiut?
l'ha iars lu fuoc
'O 'ffuoc a re 'gghiut?
la stutat l'acq
E l'acq a re 'gghiut?
L'ha vept la vacca
e 'a 'vacc a're 'gghiut?
è 'gghiut a lu mazzon a'ffa lu cas a lu padron

Filastrocca sul 1° Marzo
Sei di Marcianise se oggi 1 marzo tua nonna ti obbligava a ripetere questa filastrocca :
< marz catamarz ogg è o prim e marz io ti segn a te e tu nun mi sign a me > 
ripetere 3 volte facendo il segno della croce su una parete.

A San Nicola
Sant Nicola Mannm Mannm
Nu marit senza 'a mamm
A si p'disgrazj a mamm tness,
ogg spusas e dimane muress.

Storielle
'A mugljer santa
Nu marit tnev na mugljer che nun perdev maj a pazienz
c'n'cumbnav e tutt'e maner ma chell'nun s'ngazzav maj.
Nu jorn punzav: Mo je a stagion pigl e segg e facc nu bellu 'ffuoc
e chell quann ven sicurament s'arragg e s'nczz.
Pigliav tutt 'e segg e rumbett e abicciav o fuoc
Turnav a muglier, vrett 'o 'ffuoc e ricett:
"Maritu mij 'o 'ffuoc è bell trirc mis all'ann"


'O jon 'nnammurat
Nu jon s'annammuraj e 'na figljol
Ogni vot che a verev ci jev vicin e chest nun parlav maj
Ricett na vot: "riman veng a casa toj a parlà cu mamma!"
Chest nun parlav 'bbuon e tnev ati 'ddoj sore che manc parlavn 'bbuon
P' nun 'ffa sapè a cos, 'a mamm ricett: "Mo che ven o jon a cas vui n'avit parlà, aggia parlà sulament io"
"Si mamma!" rispunnettr tut'e tre.
'O jorn appriess, quan eva vnì 'o jon s mettetr a filà 'a stop
Quann chist arrivaj, parlav semp sul 'a mamm e 'o jon vren l'ati sor pnsaj che nun sapev
a chi eva scegr p'fidanzars.
Parlav semp a mamm. Po 'o jon ricett: "Signo! pozz ave nu poc r'acq?"
A mamm s'aizaj e jetta piglià l'acq e rimanetr sol 'e figlj
'A prim nun c'a facett chiù a stars zitt e ricett:
"Comm e tot sta topp" (Comm è tost sta stop)
Rispunnett 'a sicond:
"Si e tot a tuppulij" (Si è tost a stuppluij)
Rispunnett 'a terz e ricett:
"Mamma a rit che n'iva parlè e parlet" (Mammà a rit che n'iva parlà e 'e parlat)
Accussì o jon, capett che nisciun e 'llor parlav 'bbuon e s'n jett senza ricr nient a mamm.

 "A vorpe e 'o Lupo " (la volpe ed il lupo )
(Preso da FB da un post di Francesco Raffaele Carlo Cavagnuolo)

OLE' ! OLE' ! OLE' ! O RUTT PORTE NGUOLLE O SANE 
"" Il povero, lo sfortunato, l'ammalato e il mal concio si addossano sempre le responsabilità di chi sta bene ed è baciato dalla fortuna ""

Ncè steve na vota........tantu tiemp fa', o Gioverì Sante ra sittimana e Pasqua , rint a tutte e curtigli e Marcianise, ogni bellafemmena faceva, pigne casatell e pastiere pe se mangià 'nzieme a tutta a famiglia soia o jiuorne e Pasqua. Quanne tutte cosa era pronte e bell cuotte e profumat, chesti cose sapurite, nun ze putevuno tucca nè mangià primma ra jiurnate e Pasqua osinò c'ascieva o serp' a rint ! ! Perciò se lassavane arrupusà e arrefreddà, rinto o furne che, manu mane, s'arrefreddava. Passave pe Puzzanielle na Vorpa vecchia, furba e figlia e zoccala 'nzieme a nu lupo viecchio, 'nzallanute e chine e fracitumme fina a dinta a pont' ra core che le spuntave nculo. Sti ruie cumpare senterene addore re pastiere e subbeto penzarena e se nfilà rinto o furne ancora caurille pe se fà na bella mangiate e sti cose sapurite primme che a padrona e sfurnave pè sè purtà rinte suoie. Mentre o lupe se sbafava a chiù nu pozze a volpe ieve ogni tanto a ssà affaccià vicina a porte ro furne, o lupe c'è addummantajie pecchè ogni tante vai llà ?.. E chesta le rispunnette che jieva a ffà a vuardia pe verè si a patrona steve venenne! Comme appena arrivajie a patrona, pigliave na furcina e accumminciava a menà furciniate pe dinte o furne. A volpe che furbamente si era jiute a 'mmusurà si cia' faceva a ascì a rinta a vocca ro furne subbete se ne fujette, mentr' o lupo, cu chella panza chiatta e chene e pastiere nun zè nè putette fujì e rimanette llà a piglià tutte e mazzate fin a cchè se facette nu ppoco chiù sicche e sa filaije pure jisso. E rujie cumpare se incuntraine foro Puzzanielle, re parte ra Ariola addo mo tene e cane Vicienze Fretta e a vorpe se facette truva' curcata 'nterre comme si pure jiesse avesse avute cchiù mazzate ro lupe. O lupe avette pietà, e cu tutte e mazzate sojie che aveva avute, sa caricava ostess nguolle e sa purtaie pa vie e Santa Vennera pe s'alluntanà a rint o paese.
A volpa cantave na lamentela che faceve accussi

"" OLE' OLE' OLE', O RUTTE PORTE NGUOLLE O SANE !!! OLE' OLE' OLE', O RUTTE PORTE NGUOLLE O SANE .... ""

e o lupe ciàddummantajie cumma' che state a dicere .... a volpe, prontamente, ci ricette "" Stonghe a pregà a Maronne ra Ariola e a Santa Vennera che vadda rà a forze pe me pute' purtà nguolle pecche stonghe malate e chiena chiena e furciniate arete e rine. E accussì, chianu chiane, arrivaJiene a Santa Vennera cu chillu sceme ro lupe, chine e mazzate, che purtaie ncuolle a Vorpe che steve bbone iè o sfutteve pure cantanne a canzone :

"" OLE' OLE' OLE' ...O RUTTE PORTE NCUOLLE O SANE ""


"Accir 'e pruk!!"
Nu jon s'spuaj cu na bella figljol ma a mamm 'e jes nun bulev
p'chè ricev che era puvriel e ogni bot che o v'rev l'ricev
semp "accir e pruk".
Nu jorn stevn for e chella abbiav n'ata vot
"accir 'e pruk!!", "accir 'e pruk!!"
O jon nun ne putet 'cchiu e a ppijiav e a
mnav abbasc a nupuz ca cap sott'all'acq
e l'ricev "Mo nu dic 'cchiu nient?"
ma chella cacciav e man a for all'acq e facet
pollc e pollc com p'dicr "accir 'e pruk!!"
accussi pur 'ngann a mort li ricev semp a stessa cos

Durante un singhiozzo ..
Sulluz va puz! e va a da cummar
e vir che t'ric e viemen a dicr.
(Singiozzo va al pozzo! vai dalla comare
senti che dice e vienimelo a riferire)


Parole onomatopeiche nel mondo animale
Zu zuuu!! (per il cane)
Muc muc (per il gatto)
Sciurè Sciurè (Chiama la gallina)
Coce Coce  (Chiamata per gallina)
Cuc cuc (Per il coniglio)
Passa là (Per scacciare il cane)
Miscia la(Per scacciare il gatto)
Aaaa (Fa andare avanti il cavallo)
Ishccc (ferma il cavallo)
Poggia là (sposta la vacca)

VegetaliNa fronn ' e ressta e '  una foglia di basilico !
rignsant = cachis
putrusino = prezzemolo



Quando cade la stella cadente si diceva che era un anima del purgatorio che veniva liberata per il paradiso

1 commento:

  1. Che bello, che emozione, un tuffo nei ricordi piacevoli dell nostra infanzia.Grazie

    RispondiElimina